PER LE IMPRESE

Come monitori lo stato di salute della tua Azienda?

Lo sai che il 16 Marzo 2019 è entrato in vigore l'art. 4 del D.L. 155/17? Sai già cosa fare per essere in linea con il nuovo art. 2086 comma 2?

SCOPRI DI PIU'

PER I PRIVATI

Che vantaggi avresti associandoti?

Quali e quanti vantaggi avrai aderendo ad ADIR o rinnovando la quota associativa 2019?

SCOPRI DI PIU'

ANOMALIE FINANZIARIE

Anatocismo, usura o truffa vera e propria?

Sei sicuro che il tuo intermediario finanziario, la tua banca o il tuo concessionario imposte non ti abbian "messo le mani in tasca" indebitamente?

SCOPRI DI PIU'
AssoDir Associazione per i diritti degli investitori e dei risparmiatori

Ben ritrovati!

Dopo lo scorso articolo in cui abbiamo accennato alle principali differenze fra una mentalità da investitore ed una da trader, abbiamo ricevuto diverse email in cui ci ringraziavate per aver posto uno SPARTIACQUE fra chi vuole "effettuare scommesse" sui mercati finanziari e chi invece vuole trarre dalla propria operatività un'altra fonte di reddito.

Da un po' di anni a questa parte, infatti, sembra che le varie "fiere del settore finanziario" (ITF, SALONI DEL RISPARMIO, ECC) stiano facendo di tutto per MISCHIARE entrambe le mentalità, tentando di istituzionalizzare un grandissimo FALSO PARADIGMA fra i risparmiatori che per via dell'era dei tassi a zero, non riescono più a trarre profitto dai propri investimenti: il fatto che tra un investitore ed un trader on line l'unica differenza sostanziale sia nel timeframe di riferimento di ognuno!

Sarebbe bello poter rispondere a tutti, personalmente, ma ritenendo che le risposte personali possano esser d'aiuto anche ad altri, abbiamo deciso di creare questo nuovo articolo così da poter dare il nostro punto di vista "SENZA MANDARLE A DIRE" ed in maniera chiara ed esaustiva come cerchiamo di fare di solito in ogni nostro articolo.

Innanzitutto premettiamo che "ogni caso fa storia a sè", visto che ciascuno di noi tenta di trarre profitto dal proprio risparmio per i motivi più disparati, MA, una cosa dovrebbe accomunare tutti: IL BUONSENSO di non perdere MAI E POI MAI PER QUALSIASI MOTIVO AL MONDO di più di quel che si è deciso di mettere a rischio nel capitale destinato agli investimenti o al trading.
Invece, come già facemmo notare qualche tempo fa, la maggioranza degli operatori (leggasi brokers) NON GARANTISCONO AFFATTO tale possibilità. Pertanto, la prima discriminante dovrebbe essere chiarissima: EVITARE D'INVESTIRE TRAMITE OPERATORI E/O STRUMENTI CHE MI PORTINO GRAZIE AD UNA SOLA OPERAZIONE SBAGLIATA DA CREDITORE A DEBITORE.

ATTENZIONE: molti traders sui forum e sui gruppi più importanti presenti su Facebook, tenteranno di convincervi dicendo che questo genere di "assicurazioni" hanno un costo, costano care e, che il loro costo è insito nello spread dei prezzi bid/ask e pertanto per questo motivo, non potrete mai fare scalping. Ringraziateli perchè vi hanno fatto prendere in un solo colpo i classici "2 piccioni con una fava"!!!

2 piccioni 1 fava


Infatti non rischierete di "bruciare il conto" in un amen e soprattutto non vi ritroverete da creditori a DEBITORI nei confronti del vostro intermediario ed a dover affrontare costosissime cause internazionali per difendervi (forse non ci avete mai fatto caso, ma su ogni contratto di questo tipo, c'è scritto che in caso di controversie ve la dovrete prendere con la sede della casa madre)... OCCHI SEMPRE BEN APERTI, QUINDI, PRIMA di firmare qualunque contratto con qualsiasi broker, leggete, leggete e ancora leggete per bene tutto quel che state per firmare E SE PER CASO NON E' TRADOTTO IN ITALIANO PIUTTOSTO NON FIRMATELO, se non volete per nessun motivo al Mondo rischiare di trovarvi in situazioni simili a QUESTE!!! 

Sempre il medesimo BUONSENSO dovrebbe far sì che chiunque dovrebbe STARSENE ALLA LARGA da tutto quel che non conosce e pertanto dovrebbe evitare di credere alle equities mirabolanti "millantate" senza alcuna pezza giustificativa sui social networks.

Dopodichè se si pensa d'esser pronti ad effettuare le prime operazioni sui mercati, se non si vuole cominciare a credere alla favola che và per la maggiore fra i perdenti, che le nostre perdite ed i nostri profitti dipendano principalmente dalla "psicologia" è necessario fare una scelta importantissima: decidere se imparare a diventare un mitragliere o un cecchino!

Se avete un carattere di ferro, una resistenza allo stress fuori dal comune, risorse notevoli (almeno 100.000 Euro da portare ai mercati per le inevitabili batoste che prederete nell'arco degli anni), l'appoggio della vostra famiglia, altri 25/30.000 Euro da utilizzare come "capitale di trading" ma diversi traders professionisti vi possiamo garantire che ne utilizzano almeno il triplo oltre ad almeno 10-12 ore al giorno per imparare i segreti delle "pulsazioni giornaliere" dei mercati, quindi siete disponibili ad investire tempo e soldi nell'arco degli anni per imparare la professione di "mitragliere" (o SCALPER che dir si voglia) non esitate: dopo aver comprato decine di libri, aver frequentato almeno una decina di corsi sempre più impegnativi e sempre più costosi (fino a svariate migliaia di Euro caduno), esservi trovati un Mentore che vi faccia delle sessioni di coaching individuali e dopo aver provato una decina di brokers, chissà... FORSE sarete proprio voi il novello genio del trading, "QUELL'1 SU 1000" per dirla come Gianni Morandi che riuscirà ad essere profittevole sin da subito... Ve lo auguriamo di cuore! Ricontattateci fra 10 anni per raccontarci del vostro successo! 

mitragliere
Se invece siete delle persone normali (e non avete voglia di credere alle FANDONIE (e a chi vi racconta di aver visto asini che volano) e vi rendete conto una volta per tutte dei PICCOLI VANTAGGI che offre una vita sui mercati meno esasperata di quella di cui abbiamo parlato sinora, vi consigliamo caldamente la carriera del CECCHINO.


cecchino
Andiamo ad analizzare i principali perchè:

1) PERCHE' GLI UOMINI PIU' RICCHI AL MONDO NON SONO TRADERS MA ALLIBRATORI o se preferite non assumono rischi spaventosi, ma al contrario li trasferiscono agli altri. Quindi che senso ha investire a leva 100-200-300-400-500, vista la probabilità spaventosamente alta di bruciare il proprio conto?
Non penserete mica che i brokers non ci guadagnino ad offrirvi tutto quel capitale di rischio, che vi mettono a disposizione tramite l'effetto leva, vero?

2) PERCHE' I RICCHI NON FANNO MAI GRANDI SCOMMESSE, ne avevamo già parlato "la scorsa puntata" ricordate? Proprio in quel periodo, in occasione dell'elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti è uscita la notizia di un grandissimo imprenditore londinese che ha vinto oltre 1.000.000 di sterline scommettendone 350.000. Questa che a prima vista sembra un'operazione DA MATTI, in realtà è un'operazione DA RICCHI, non per il capitale con cui è stata fatta, ma principalmente per il fatto che aveva un rapporto Rischio Rendimento di 1 a 3.
O se preferite rischiando 1 Euro si poteva vincere 3 volte tanto. Se si và alla ricerca di simili occasioni sui mercati, che contrariamente a quel che i GURU DELLO SCALPING INTRADAY voglion farvi credere, un minimo di prevedibilità ce l'hanno eccome, farete presto a rendervi conto del fatto che, con gli opportuni position sizing e money management, potete sbagliare 2 volte su 3 ed essere ancora in guadagno... E non di poco!  


3) PERCHE' I RICCHI USANO IL TEMPO A LORO FAVORE, provate a fare un esperimento: aprite una piattaforma demo ed investite su ogni operazione 1 microlotto (pari a 1.000$), guardatene l'evoluzione dell'andamento, la volatilità, le discese e le salite che consegue in una giornata... Vi sentite stressati? Avete bisogno di un corso di psicologia o di un Mentore per sopravvivere a tal genere di movimenti?
Se anche questo fosse denaro reale, vi rendete conto che così facendo state evitando di pagare in denaro sonante gli umori e soprattutto le isterie dei mercati finanziari?

4) PERCHE' I RICCHI NON VANNO CONTRO LE MANI FORTI MA NE SEGUONO LE ORME: quante volte avete letto/sentito da un trader frasi del tipo "E' ora di shortare perchè il prezzo è salito troppo e il grafico mi dice che siamo in ipercomprato?" oppure "E' ora di comprare perchè tutti stanno vendendo e c'è ipervenduto"? Lo capite da soli perchè mettersi contro una mandria di rinoceronti armati soltanto con un fucile a piombini è deleterio, vero?

5) PERCHE' I RICCHI SANNO CHE TUTTO QUEL CHE COMPRANO HA UN VALORE E CHE QUEL CHE PAGANO E' SOLTANTO IL PREZZO: ci vedete delle differenze con i GURU che vi invitano a seguire soltanto l'analisi grafica o se preferite, "la via del prezzo"?

6) PERCHE' I RICCHI SANNO CHE I PREZZI SI MUOVONO PRINCIPALMENTE PER VIA DELL'ANALISI MACROECONOMICA, DELLE NEWS RILEVANTI E DELL'ANALISI FONDAMENTALE: cominciate a capire come mai in tutti i corsi gratuiti che vi tengono i brokers, vi insegnano sempre e soltanto l'analisi tecnica e che "il grafico comanda su tutto"?

7) PERCHE' I RICCHI NON TENGONO MAI TUTTE LE UOVA NELLO STESSO PANIERE: visti i rischi spaventosi che ciò può comportare... 

8) PERCHE' I RICCHI NON INVESTONO IN STRUMENTI FALLACI: che senso ha investire il proprio tempo ed il proprio denaro su sottostanti non regolamentati con un broker che mi fa da controparte e che so già che è soltanto una questione di tempo e si sarà "guadagnato" (per giunta "LECITAMENTE" VISTO IL CONTRATTO CONTROFIRMATO) tutto quel che ho sul mio conto di trading?

9) PERCHE' I RICCHI NON INVESTONO ATTRAVERSO BROKERS NON REGOLAMENTATI: da anni ormai è tutto un proliferare di brokers OTC situati in paradisi off shore e senz'alcuna normativa e/o autorità di controllo. Come fate a fidarvi a fargli anche soltanto un semplice bonifico, visto che anche nel caso siate profittevoli sarà ben difficile riavere indietro il denaro versato? 

10) PERCHE' I RICCHI NON UTILIZZANO "INTERMEDIARI FUFFA": Nelle scorse settimane, il Belgio, rendendosi conto della situazione in cui il settore versa, ha VIETATO ai propri connazionali il TRADING ON LINE SU OPZIONI BINARIE, FOREX E CFD. Detto così il provvedimento ci sembra un po' restrittivo, visto che potrebbe far passare il messaggio che convenga "buttare il bambino insieme all'acqua sporca", ma sinceramente ci domandiamo come sia possibile che veramente ancor oggi ci sia chi non si renda conto che le truffe da parte degli intermediari sono molto meno frequenti di quanto si possa immaginare?

Confidiamo che questi 10 punti vi rimangano ben impressi in mente così da aiutarvi a trovare "la vostra strada" verso la ricchezza finanziaria, o quantomeno a ricordarvi una volta per tutte che già così, secondo i dati ufficiali, i mercati sono profittevoli per MENO DEL 7% delle persone che li frequentano e che come soleva ripetere John Maynard Keynes:
                                                                        "Il denaro e gli stupidi, prima o poi, prendono strade separate."

Naturalmente rimaniamo a disposizione per aiutarvi a chiarire qualsiasi dubbio su quanto contenuto all'interno del presente articolo: scriveteci senza esitazione e vi risponderemo appena ci sarà possibile... Nell'anno nuovo.

Buone riflessioni e...


buon 2017


Che il nuovo anno vi porti tutto il successo che meritate!

UFFICIO STUDI ASSODIR

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiediamo una piccola cortesia:
molta gente reputa (stupidamente) che tutto quel che non ha un prezzo non abbia un valore.

Se ritieni che quel che hai appena letto GRATUITAMENTE, un valore ce l'abbia, dacci una mano a far capire i nostri sforzi per diffondere la vera cultura finanziaria, condividendoli con le persone a te care oppure effettuando una donazione anche di 1 solo Euro, cliccando sul pulsante qui sotto:



Ci aiuterai ad aiutare chi ha veramente bisogno di aiuto!

RIMANI AGGIORNATO: INSERISCI SUBITO I TUOI DATI QUI SOTTO PER RICEVERE LA NOSTRA NEWSLETTER

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information